Visita di Santa Croce a Firenze

La visita alla basilica di Santa Croce a Firenze, massima realizzazione del gotico in Italia, permette di conoscere il luogo di sepoltura di sommi artisti, letterati e scienziati. È nota come Tempio delle Itale glorie, da "I Sepolcri" di Ugo Foscolo.



visita santa croce firenze      visita santa croce firenze      visita santa croce firenze

Arte e cultura

Firenze accoglie un importante patrimonio artistico e culturale, famoso nel mondo, spesso conservato in alcune chiese e basiliche della città

Basilica di Santa Croce

La facciata è di marmo bianco e colorato di Carrara, progettata da Niccolò Matas, mentre il campanile della chiesa è dell'architetto Gaetano Baccani

Cappella dei Pazzi

La Cappella, utilizzata come Capitolo, cioè luogo di adunanza dei frati di Santa Croce, è preceduta da un pronao o atrio, posto su sei colonne corinzie

visita santa croce firenze

La Basilica di Santa Croce a Firenze

La basilica di Santa Croce a Firenze, una delle più grandi chiese officiate dai francescani e massima realizzazione del gotico in Italia, è stata costruita a partire dal 1294 secondo il progetto di Arnolfo di Cambio e, nel corso del tempo, si è arricchita con le donazioni delle ricche famiglie fiorentine alle quali, in seguito, veniva concessa la sepoltura all'interno delle varie cappelle.

Durante la visita a Santa Croce potrai ammirare il cenotafio di Dante Alighieri, oppure le opere d'arte poste a sepoltura di famosi artisti quali Machiavelli, Alfieri, Michelangelo, Galileo Galilei. Sono, inoltre, presenti i monumenti funebri di Bernardo Rossellino e di Desiderio da Settignano. Uno sguardo d'insieme alla basilica potrai darlo con la visita all'omonima piazza, antistante Santa Croce, sede della tradizionale rievocazione storica del “Calcio in costume”, la cui finale si svolge il 24 giugno in occasione della festa del santo patrono di Firenze, San Giovanni.



visita santa croce firenze

Visita alla Cappella dei Pazzi

É un gioiello per l'armonia di linee, progettata da Brunelleschi, con un portico sorretto da sei colonne corinzie e un'elegante struttura tutta decorata da medaglioni, riproducenti deliziose teste di cherubini. Il centro, invece, é costituito da una piccola cupola emisferica impreziosita da terrecotte di Luca della Robbia, mentre la magnifica porta è stata intagliata da Giulio da Maiano.

Durante la visita potrai notare che l'interno è sobrio, spoglio e con pareti bianche, ma sui muri risaltano i brillanti colori delle splendide terrecotte smaltate di Luca della Robbia, costituendo un raro esempio di armonia e di bellezza del primo Rinascimento. Ti consiglio la visita di Santa Croce a Firenze, complesso religioso affascinante ed austero, e se al termine proverai uno strano senso di stordimento, è possibile che tu sia stato colpito dalla sindrome di Stendhal, un malessere provato dallo scrittore francese quando visitò la basilica all'inizio del XIX secolo.



con la
FirenzeCard
eviti le code

La "Firenze-Card" è una tessera che dura 72 ore e permette la visita dei principali musei, chiese e basiliche dell’area fiorentina, senza fare code e senza costi ulteriori, neanche per l'uso dei mezzi pubblici.
LEGGI